Lo sgombero del Rione Terra nel 1970. Un documentario prodotto da “Lux in Fabula” dal 2 luglio su YouTube

Sì doveva presentare sabato 29 febbraio 2020 a Palazzo Migliaresi, il libro “Pozzuoli 1970-2020  A cinquant’anni dallo sgombero del Rione Terra”, all’interno di una manifestazione ricca di iniziative nata proprio per ricordare quel tragico momento storico che stravolse completamente l’identità dell’antico quartiere puteolano. A fermare la manifestazione un evento inaspettato, l’epidemia di Covid-19, diffusasi nei mesi scorsi, che ha bloccato tutte le attività pubbliche. In attesa di tempi migliori e con l’obiettivo di riproporre dal vivo la manifestazione programmata, i sodalizi promotori dell’evento, associazione culturale“Lux in Fabula”, Parco Archeologico dei Campi Flegrei, Osservatorio Vesuviano – INGV, University College of London, New York University, WAVE:SPICE– Warning and Alerts during Volcanic Emergencies e Scientific Practice Informed by Community Experience, associazione culturale “Le ali di Dedalo” ONLUS, Dialogos Comunicazione, New Media Press, Vincenzo D’Amico Editore e Gesfor Srl, con il patrocinio morale del Comune di Pozzuoli, hanno deciso di pubblicare online un documentario per ricordare quei concitati “attimi” del marzo 1970.  Da  giovedì  2 luglio  2020 sarà infatti visibile sul canale Youtube di “Lux in Fabula” un video prodotto e realizzato dalla stessa associazione culturale al fine di ricordare quei fatidici momenti e di ripercorrere la storia della città di Pozzuoli e della sua “rocca”. Nel documentario è presente il contributo, attraverso opere significative ispirate al Rione Terra, dei seguenti artisti: Vincenzo Aulitto, Nino Caruso, Nunzio Figliolini, Mario Fiori, Antonio Isabettini, Jenzia Burgos, Luigi Guarino, Veronica Longo, Enzo Neri, Lucio Statti, Maria Sabetti, Fernando Pisacane, O-Ring Art Studio, Claudio Correale e il gruppo musicale AfterSat per la colonna sonora.

Lascia un commento su "Lo sgombero del Rione Terra nel 1970. Un documentario prodotto da “Lux in Fabula” dal 2 luglio su YouTube"

Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato


*